GIOVEDI SANTO

Colore liturgico: Bianco


 

 


Gv 13, 1 - 15

 

Li amò sino alla fine

 

 Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era giunta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, dopo aver amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine.
Mentre cenavano, quando già il diavolo aveva messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti e, preso un asciugatoio, se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugatoio di cui si era cinto.
Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: “Signore, tu lavi i piedi a me?”. Rispose Gesù: “Quello che io faccio, tu ora non lo capisci, ma lo capirai dopo”. Gli disse Simon Pietro: “Non mi laverai mai i piedi?”. Gli rispose Gesù: “Se non ti laverò, non avrai parte con me”. Gli disse Simon Pietro: “Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e il capo!”. Soggiunse Gesù: “Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto mondo; e voi siete mondi, ma non tutti”. Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: “Non tutti siete mondi”.
Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: “Sapete ciò che vi ho fatto? Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri. Vi ho dato infatti l’esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi”.

 

 

 

 

Padova-Cappella degli Scrovegni - Giotto - 
La lavanda dei piedi

 

 

 

Mons.Antonio Riboldi - 8 aprile 2004

 

Insieme verso la Pasqua

 

E' un mio desiderio vivere questi giorni santi con tanti miei amici, che mi hanno seguito nel cammino quaresimale verso la PAsqua.
Oggi è il giorno di Dio che svela l'amore.
La mattina, in tutte le Cattedrali del mondo, i Vescovi radunano clero e fedeli per celebrare quella che noi chiamiamo "la Messa del Sacro Crisma", ossia la benedizione degli oli: l'olio per i Catecumeni, con cui veniamo unti nel Battesimo; l'olio degli infermi, che è per gli ammalati; la solenne benedizione del Sacro Crisma, con cui vengono "unti" i cresimandi, i sacerdoti ed i vescovi.
In altre parole, è il segno di appartenenza a nostro Signore.
E per l'occasione è la solenne celebrazione di quel tesoro, che è l'unità della Chiesa, che la vede una cosa sola: il vescovo con il clero e con i fedeli. E' commovente anche solo assistere a questa immagine di un popolo che, in Cristo, è una cosa sola. "Che siano una cosa sola, come tu, Padre ed io siamo una cosa sola". E' la preghiera che Gesù ha fatto al Padre proprio il giovedì santo.
A sera, forse più sentita, è la celebrazione che si chiama "Cena del Signore", ossia l'istituzione dell'Eucarestia: "Fate questo in memoria di Me".
E quelle parole: "Questo è il mio Corpo, mangiatelo...questo è il calice del mio sangue, bevetelo", sono la vita di Cristo, che si dona concretamente, per essere il nostro Pane della Vita. Un mistero di amore che viene ripetuto innumerevoli volte, ogni giorno, in tutto il mondo. Ed è il centro della festa e della vita della domenica, "giorno del Signore".
Questo entrare in comunione con Dio stesso, attraverso l'Eucarestia, è davvero il più grande gesto di amore che dà senso e luce a questa nostra vita, troppe volte "spenta" e senza senso.
E' il giorno santo che ci interpella fino a che punto noi ci vogliamo bene; fino a che punto essere di Cristo vuol dire anche appartenersi gli uni gli altri: fino a che punto Gesù è il Senso e il Cibo della nostra vita.
E durante la celebrazione della "Cena del Signore", è Gesù che si fa esempio di come si ama, cingendosi i fianchi con un grembiule e lavando i piedi dei suoi. Amare è servire. Come manca questo grembiule, per la voglia di potere o di egoismo!
Poi la Chiesa invita tutti ad accompagnare Gesù nella sua agonia, nell'Orto del Getsemani, nascondendosi nel silenzio, che una volta chiamavamo "i sepolcri", e che sono invece la veglia con Lui nella sua agonia...che è l'agonia dell'uomo e del mondo di oggi!

 

 

 

 

 

Domenica delle Palme Lunedì Santo Martedi Santo Mercoledi Santo Giovedi Santo Venerdì Santo Sabato Santo Domenica di Pasqua

 

© www.processionemisteritp.it