L'UNIONE NON RISPONDE

      
          L
o scorso 6 febbraio 2007, a ridosso della Settimana Santa, avevamo aperto questa volutamente polemica sezione dedicandola al silenzio che l'Unione Maestranze faceva seguire alle legittime domande poste dagli appassionati. Un silenzio ancor più aberrante dato che la stessa Unione ha, all'interno delle sue pagine web la sezione "L'UNIONE RISPONDE".

N apena pubblicammo questa pagina, cn tanto di Pinocchi o in bella vista, l'Unione Maestranze fece funzionare la suua sezione e ritenemmo pertanto inutile che questa pagina restasse " on line ".

 

Terminata la processione, come al solito e non ci stupisce, l'Unione è tornata agli antichi silenziosi fasti dell'era precedente e dato che qualcuno potrebbe obbiettare che si criticava allora il silenzio, riteniamo giusto e soprattutto coerente, criticare e pubblicamente l'UM per questo ennesimo mutismo, non solo sulle risposte ( l'ultima è datata 23.05.207 ) ma soprattutto sulla vicenda dei ceti che dovevano esser puniti per i ritardi della passata processione. Queste " sanzioni " che in tanti abbiamo condiviso hanno rappresentato uno dei fiori all'occhiello del nuovo corso dell'Unione.

Non sappiamo i motivi che hanno spito l'UM a questa scelta di silenzio !

Ci auguriamo di poter presto togliere dalla rete, per la seconda volta, questa pagina che resterà attiva sinchè l'Unione resterà al mare .....in silenzio !

Ripetiamo pertanto le stesse parole scritte qualche mese fa .

" Chi ha inviato domande all'Unione e non ha avuto risposta può segnalarmi la richiesta che pubblicherò volentieri, sfidando l'ira dei giganti !

Chi, per vari motivi, non se la sente di scrivere direttamente all'Unione può mandarmi una mail e provvederò direttamente a scrivere all'UM."

Verona, 26 luglio 2007

Beppino Tartaro