PROCESSIONE 1932


   

 

In occasione della Processione dei Misteri del 25 marzo 1932 - X dell' era fascista - , viene affisso un manifesto a cura del Dopolavoro Provinciale di Trapani - Direzione Tecnica Provinciale per il Folklore - Comitato Processione dei Misteri.

 

Sotto la voce " NOTIZIE UTILI SUI VENTI GRUPPI SACRI ", vengono riportate brevi descrizione dei Misteri con l'indicazione dell'autore e del ceto di appartenenza.
Tra le curiosità che vi si leggono notiamo come nel quindicesimo gruppo " La Sollevazione " venga indicata tra le categorie di appartenenza anche quella dei " Carrozzieri ", un probabile errore dato che i carrozzieri faranno parte anni dopo della processione nella maestranza dei metallurgici, mentre al posto del termine " carrozzieri " si sarebbe dovuto indicare la categoria dei " carradori ", cioè gli artigiani che costruivano o riparavano carri.

 

Alla descrizione dei gruppi seguono le note che verranno riportate anche nell'opuscolo edito nel 1933 a cura del Dott.Salvatore Cassisa Mazzei e che, proprio in occasione della processione del 1932, chiariscono le tante voci ancora oggi ricorrenti sul presunto gruppo dell'Ultima Cena, nascosto in chissà quale chiesa !Si trattò infatti di una riproduzione in miniatura e quindi non di dimensioni simili a quelle dei restanti gruppi e che venne fatta sfilare in apertura della processione del gruppo " Ascesa al Calvario ".

 

 

N.B,

 

Come negli anni precedenti, anche quest’anno, parecchi gruppi avranno la musica.

 

Ci sarà pure il “Centurione romano” su cavallo bianco bardato, con tromba drappella e lancia.

 

Esso precederà l’imponente manifestazione Il cavallo sarà tenuto a briglia  da uno Staffiere in costume indigeno.

 

Subito dopo verranno due tamburi, e quindi la Processione di N. 13  componenti la storica Confraternita di San Michele, con lo Stendardo, in caratteristico costume e abitini in argento di M. SS. di Trapani, di pregevole fattura e di notevole valore storico.

 

Quest’anno seguirà un pregevole gruppetto, opera del dilettante nostro concittadino Sig. Alberto Mazzeo fu Filippo rappresentante “L’ultima Cena di Gesù Cristo” che viene a rendere così completa la Processione.

 

Tutti i portatori dei Misteri avranno la tenuta  di prescrizione  con le insegne  delle varie Arti.

 

Nelle chiese  di S. Nicolò e della Badia Grande  sarà cantato lo Stabat Mater  al momento in cui vi entrerà Maria SS. Addolorata. Particolare cura dedicheranno le varie Arti, di accordo col Comitato Esecutivo, agli addobbi floreali dei “Gruppi”; i mazzi di fiori saranno artistici.

 

I “Sacri Gruppi”, durante la notte saranno illuminati sfarzosamente , oltre che con ceri, con luce elettrica, acetilene e lampade a incandescenza.

 

 

© 2004 -  www.processionemisteritp.it