MOLFETTA ( BA ) - 8 settembre -

 

 

FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI MARIA SS. DEI MARTIRI

 

 

di Danilo Novara 

 

 


 

   

Le foto della processione di Molfetta

 

 

Le foto della processione di Hoboken ( USA)

 

 

 

 

 

Cari amici del sito, volevo un po' raccontarvi ciò che avviene dalle mie parti ogni anno e precisamente l'8 settembre.

 

Come accade in molti altri paesi in Puglia, in occasione della festa del patrono si organizza la sagra a mare, la si fa a Taranto con San Cataldo, a Bari per San Nicola e non può mancare Molfetta in onore di Maria SS dei Martiri.

 

Per il molfettese due sono gli appuntamenti a cui non può assolutamente mancare: la Settimana Santa e la festa patronale. Certo questi due appuntamenti sono totalmente diversi tra di loro, il primo ha carattere penitenziale mentre il secondo è gioioso, festoso; però entrambi sono caratterizzati dalla fede e dalla partecipazione popolare.

 

Il culto verso la Madonna risale all'XII° sec quando a Molfetta, crocevia di importanti traffici marittimi e di pellegrini diretti verso la Terra Santa, giunse l'icona della Vergine.

Era tradizione infatti portare con sé di ritorno dalla Palestina un ricordo come: quadri, crocifissi, frammenti di reliquie, che spesso venivano donati perchè alla ricerca di assistenza o ricovero, ai benefattori o custodi delle varie staciones presenti sul territorio.

Nel giro di pochi anni il culto assunse maggiore importanza, sia per la presenza di un oggetto proveniente dalla Terra Santa, sia per gli innumerevoli miracoli che si manifestarono, tanto da richiedere la costruzione di una basilica accanto all'Ospedaletto dei Crociati che custodiva l'icona.

 

Il nome Madonna dei Martiri infatti deriverebbe proprio dalla Carnaria, dove riposavano i resti di crociati e pellegrini. Nel 1395 il Re Ladislao di Durazzo concesse alla città 8 giorni di fiera “franca da tributi”, che nel corso degli anni si ridussero a 3, con la possibilità di effettuare scambi commerciali, di animali e manufatti locali; ancora oggi è presente la fiera sia quella tradizionale con bancarelle, luminarie, fuochi pirotecnici, sia la fiera degli animali che si svolge la mattina dell'8.

 

Agli inizi del '800 il culto verso l'icona si stava affievolendo, fu così che si realizzò una statua in legno, più facile da trasportare e da ornare con le varie donazioni ex-voto. L'8 settembre 1846 per rafforzare ancora di più il legame tra la Madonna e tutta la marineria molfettese, che la proclamò loro protettrice, la statua fu posta su 2 bilancelle a vela per trasportarla fino alla banchina del porto. Da allora la sagra a mare è diventato il culmine delle celebrazioni in onore della compatrona della città.

 

Le manifestazioni principali in onore della Madonna dei Martiri sono rappresentate dalla novena accompagnata dalla fiaccolata, ed infatti nel primo giorno della fiaccolata si ripropone lo sbarco dell'icona che giunse a Molfetta a bordo di una barca (un po' come si fa con la Madonna di Custonaci), dalle varie messe che richiamano centinaia di pellegrini fino al giorno dell'8 settembre giornata dedicata interamente alla Madonna.

 

Alle 15 in punto i marinai bussano sul portone della basilica affinchè i frati affidino loro la statua per portarla sino al molo Pennello per l'imbarco. Caratteristico è l'abbigliamento utilizzato dai marinai vestiti, con maglie e pantaloncini strappati, ricchi di nastrini colorati. Alle 16 la statua viene fatta salire a bordo di 2 o 3 pescherecci, insieme alla banda e ai parenti, amici e conoscenti degli armatori che curano l'allestimento, con addobbi, fiori, bandiere, e palloncini. La statua fa il giro del porto accompagnata da altri pescherecci e barche più piccole tutte addobbate a festa.

 

Alle 20 avviene lo sbarco sulla banchina del porto, dalla quale si snoda la processione che porterà la statua in Cattedrale dove vi rimarrà sino alla domenica successiva, per poi far ritorno alla Basilica accompagnata da una processione.

 

Raccontarlo a parole non è facile perchè bisogna viverlo in prima persona, per poter vedere e sentire i suoni, i colori, i profumi che si respirano, mantenere vive le tradizioni non è assolutamente facile.

 

Ogni anno giungono a Molfetta migliaia di persone provenienti da tutta la provincia, oltre ai numerosi molfettesi che si sono trasferiti in America, Argentina, Venezuela e Australia, perchè è anche la loro festa, infatti in occasione si celebra il MolfettaDay che sancisce questo abbraccio tra gli emigrati e tutta la cittadinanza.

Il legame è talmente forte da ricreare la sagra anche oltreoceano, infatti a Hoboken, situata di fronte l'isola di Manatthan, la folta comunità molfettese lì presente organizza l'8 settembre la sagra a mare, con una statua copia di quella che si trova a Molfetta. I tempi cambiano e lo si nota anche dalle vecchie foto che ci rimangono, sempre meno pescherecci vi partecipano sia alla festa, sia all'estrazione * che sancisce le barche che porteranno la statua, segno di una crisi del settore, che però  interessa l'intera città da sempre legata al suo mare.

 

 

Danilo Novara

 

 


 

 

*avviene nella sede degli armatori, ad ogni peschereccio che partecipa (perchè bisogna anche affrontare costi elevati per la sistemazione delle barche) viene assegnato un numero. L'estrazione procede fino a quando non esce il numero 8 che è il numero della Madonna, il primo numero estratto dopo l'8 sarà il fortunato che avrà l'onore di portare la statua, insieme a una o due barche scelte dall'estratto e che lo aiuteranno nei preparativi della sagra.

 

 

 

 

©  2008 - www.processionemisteritp.it

 

 

Inizio pagina