MENTALITA' PAESANA

 


 

 

 

Lo scorso 23 settembre della processione dei Misteri se ne è discusso a Malaga, dal 21 al 23 ottobre, sempre in Spagna, a Crivellent,  si terrà il 24° Convegno delle Confraternite Spagnole dove una delegazione siciliana rappresenterà la Settimana Santa siciliana ed  in particolare Caltanissetta, Messina e Trapani.

 

In entrambe le occasioni, le iniziative hanno visto coinvolti o trapanesi di nascita ma non più residenti (come il sottoscritto) o , come nel caso di Crivellent, addirittura non trapanesi legati alla nostra città da un forte vincolo affettivo.

In entrambi i casi assente sia la città con le sue istituzioni che il mondo dei Misteri in genere e questa non è certo una novità.

E così mentre in Spagna e in Italia si organizzano convegni internazionali e si propagandano le settimane sante , a Trapani si farà il solito convegno “ locale “ condito dalle discutibili tammurinate e dalle solite  marce funebri ! Mentalità paesana, un modus dicendi in realtà inappropriato perché i piccoli centri  spesso valgono più dei capoluoghi( leggi Buseto Palizzolo ).

Se altrove si approfondiscono tematiche di un certo spessore culturale da noi si discute se fare o no la via Fardella che ovviamente si farà perché la ragione non è quella legata ad un’ eventuale necessità di percorrerla per dar “ sfogo “ ai miliardi di visitatori che giungono a TP (sarebbe almeno un valido motivo) ma perché certe vetrine calzaturiere,tanto per fare un esempio, ubicate in via Fardella ..ne soffrirebbero ! .

Un ulteriore esempio di mentalità paesana ci viene offerto da quelle pubblicazioni edite da alcuni ceti che riportano le solite notizie, con le consuete foto di massari e capoconsoli e le ormai immancabili poesie.

 

Come se non bastasse, si apprende  che al Purgatorio la ditta incaricata dei lavori di manutenzione ha già portato a compimento alcune opere ma che presto si dovranno smontare i ponteggi( ( operazione che ha un costo) perché per completare l’opera occorrerà indire un ulteriore bando ed eventualmente rassegnare i lavori e in tal caso spendere altri soldi per riallestire il nuovo ponteggio. In un’Italia sempre più sul rischio fallimento si continua a sperperare , tanto, come dice va Totò “ E io pago “ .

Ma le sorprese non finiscono qui, le famose o presunte MRT ( gruppo pubblico su FB )  che non si sa ancora cosa siano dato che loro stessi non si definiscono associazione ( MA SOCCU SU ? ) stanno vivendo un momento spirituale particolare. Uno dei suoi seguaci o fondatori o altro non si sa  perché “ parla sulu unu e l’autri ci vannu appressu “ sembra invaso da una crisi pseudomistica e si esprime ( sempre su facebook) con parole degne di un musical americano ispirato ai Vangeli. Vedrete che con altre farneticanti espressioni commenterà anche questo commento!  Fatto sta che questa “ cosa” che sta pensando di cambiare nome,  continua ad agire nel perfetto silenzio anche se a Trapani, più fai una cosa per non farla sapere e più la sanno tutti. Si resta in attesa che i neo artigianelli facciano quel salto di qualità  che i trapanesi attendono da tempo . Si aspetta quindi che escano dal limbo mistico dove si trovano e comincino a fare qualcosa di più delle solite chiacchiere, magari mettendo un po’ da parte i testi sacri .

 

E sempre su facebook leggiamo pubblici profili di alcuni assertori di cristianità e valori legati alla parola di Gesù strettamente legati alla massoneria. " In massoneria -  riporto la citazione  di un mio caro amico - si parte dal principio che esiste un unico creatore dell'universo e crede in una religione monoteista, mettendo tutte le religioni sullo stesso piano, vive nello spirito della fratellanza e ubbidienza delle leggi dello stato e tutti i loro nomi sono per legge conosciuti alle istituzioni preposte. La massoneria si pone dubbi nella continua ricerca esistenziale della evoluzione umana. Naturalmente è fatta di uomini, i quali possono perseguire interessi propri, ma questo accade in tutte le categorie sociali (es. partiti politici...categorie professionali). Il vero problema è che essendo un sistema relativamente chiuso, comunica difficilmente con l'esterno creando malintesi e sospetti di affarismi vari che per la maggior parte si prestano a giudizi fallaci. Un  massone non è vicino a una fede in particolare, ma guarda esclusivamente al Grande Architetto dell'Universo e quindi se si avvicina ai Misteri di Trapani lo può fare a titolo personale. Se invece desse una impronta massonica uscirebbe dai binari e entrerebbe in un contesto di parte.” Concordo con il mio amico ed infatti non critico il massone che si avvicina alla nostra processione per scopi personali, anzi è degno di stima,. È invece esecrabile che vada in processione con una croce in mano come è accaduto  qualche anno fa e che oggi parli di santità e carità cristiana, citando  Gesù ma poi, se va i scoprire certi suoi amici su FB ( un socialnetwork abbastanza curtigghiaru) scopri che la maggior parte di essi sono massoni !

Mistero della..fede !

Personalmente ho stima per i muratori ma solo per quelli ca cardarella e ca cazzola, quelli che sudavano e faticavano per sostenere le loro famiglie e che nulla hanno a che vedere con i..Liberi Muratori !Non è comunque compito di questo sito indagare sulla fede altrui che ammiro sempre perché chiunque crede è degno della massima stima ( anche un ateo se è veramente convinto ). A Trapani , purtroppo, parlare di massoneria è abbastanza delicato, e lascio ad altri esperti colleghi della carta stampata i doverosi approfondimenti.

 

Il prossimo 6 aprile, in occasione della processione dei Misteri,  si ricorderanno i 400 anni dell’ affidamento del gruppo più antico, più bello e espressivo della processione: “ L’ Ascesa al Calvario”.  Sarebbe stato bello rivedere la processione esclusivamente in quella Trapani dove tutto nacque.

Lo scorso anno una schiacciante maggioranza, in seno all’UM, votò per il percorso entro le vecchie mura , quest’anno, con la magia che solo il dio denaro sa realizzare, la stessa schiacciante maggioranza ha votato a favore di via dei Picciuli, cioè via Fardella ! .

Del resto, gli italiani acclamarono Mussolini sino al 25 aprile 1945 per poi scoprirsi antifascisti...il giorno dopo ! .

 

Meglio non pensarci e dedicare il nostro cuore o Signuri ca Cruci 'ncoddu.

 

Foto B.Tartaro

                                      Beppino Tartaro

Verona, 15 ottobre 2011

 

 

 

©  2011 - www.processionemisteritp.it

 

Inizio pagina