L'IMPRESSIUNI D' UN MUNZIGNARU

 

 

( Le impressioni di un mentitore )

 

   

 

 

 

 

L’iri e veniri in continuazioni, e ni lu lentu frastonu, pigghiau forma la conturbanti scinugrafia cù un turbiniu di sgargianti culuri di ciuri chi accuppunaru tutti i pirsunaggi di li Misteri. Curazzi luscenti, sciabbulutti, cappeddi, juielli e tanti autri cosi abbilliscuni stì pirsunaggi chi pigghiaru n’autra forma.

Fora à genti ammutta e nà pocu pigghianu appunti, talianu i facci e sentinu i paroli. Mancanu l’ultimi accurgimenti pir tutto chiddu chi già accuminciau n’anticipo di dumani.

Eccumi no dumani. Manca pocu all’ura nona e i gruppi sunni misi in fila. I massari e i vuluntari sunnu pronti a calarisi pri aisari li Misteri. Mi scugnu e vayo versu lu purtuni ranni. Pigghiu a’ megghiu visuali pir nun pirdiri nuddu dittagliu.    

U’ scusciu d’un colpu di tammuru trasi na’ me cassa turascica. Accumincia a’ cummemmurazuni da’ sacra rapprisentaziuni di lu martiriu e da morti di nustru Signuri Jesu Cristu n’cruci.

A’ manu di Vartulu è lesta ca’ ciaccula e cun lu signu di la cruci parti cu’ l’autri e ca’ Spartenza, chi s’annaca e lintamenti passa a’ sogghia di lu purtuni ennu ‘ncontru a la banda. N’autri pocu minuti e scunpari cu’ li picciotti.

A veniri a’ Lavanda, u’ miravigliusu Orto e a’ Prisa. Eccu u’ Nazarenu cu lu sguardu smarritu du’ magnificatu Cedron. Vacidda ravanti u’ “Cavalieri di la canzuni di li gesti” [unnè mea espressione]. È lu gruppu chi canusciu a’ memoria nogni so’ particulari. Viriri picciotte cu’ cufuni né manu mi runanu fastiddiu; pì ora un vogghiu viriri autru.

Nesciu du Purgatoriu e vayo versu a’ Tuppidda eppoi psassatu l’Erue di petra, arrivu a’ strada Ranni. Viju arrè i gruppi junti o’ Culleggiu e pensu unni putia essiri a putia di Nicolò di Renna. Sentu a’ Iuni e a’ Vedda eppoi tutti l’autri. Arrivanu e sfilanu i simbuli tantu udiati da “disgregare il pagano”, chi stiornu, chissà pirchì, unni li cinsura. Vayo chiu’ avanti e mi giru pa’ chiazza di lu Tiatru. Rugnu n’acchiata o’ palazzu di Minicu Nolfu e tiro pi Santu Aloya, stoccu pi via Galvanu e sugnu subbitu arrivatu na’ strada da’ Madonna di la Mircedi. Mi scugnu mezzu a’ fudda. Ora u’ suli cari bassu a punenti e strazza l’urizzunti ca’ so’ luci sfavillanti chi agghiummunia tuttu. Chi ran cuntrastu. Acchianu na’ lu balcuni du primu pianu e aspettu.

Arrivanu i tammurinara e u’ Cristu purtato da un diaconu cu na vesti diafana. Yo unni l’avia vistu prima pirchì eru rintra u’ Purgatoriu. Minnaddunu e capisciu chi un valiu a nenti a me richiesta di vuliri a’ simbulica figura di lu incappucciatu.

Niatri (trapanisi) chi semu u’ risultatu di passati espirienzi ora semu a’ cunclusiuni di na’ summa di tanti suttraziuni. Avi do 2000 a ora chi tanti cosi scumpareru  na da cosa inutili di unn’esseri, pi accittari e supputtari a fantasmagurica pritisa di teniri un patroni chi un vulemu e chi unn’avemu mai canusciutu. Santu Lurenzu chi misiru ca’ rruganza accianchu a’ Madonna e a’ Santu Libettu. Chissi sunni fatti, azioni e eventi chi murtificanu a’ tradizioni d’esseri veri trapanisi che stamu scumparennu.

Comu si un bastassi u’ meu ragiunamentu su’ chidda chi un si viri e a’ fina uffisa chi ‘ngranscia a’ nostra basilari tradiziuni sentu un parrinu chi si lamenta a’ farmi ‘mplurari u’ ricunuscimentu a’ li guvirnanti di sta Città. un modu pi nascunniri di fari capiri chi li vulemu beni; ma chissà era u’ veru intendimentu? E st’annu a’ pricissioni du Risortu si fa cu lu Cristu du’ Sacru Core.

Uno appressu all’autru viu passari i sceni chi yo aio vistu tanti voti. Ceti ordinati e disciplinati, comu si fussiru “cuperti e allineati”, caminanu chi propri gruppi cu’ l’attiggiamentu calmu, pirchì temunu forsi na’ cundanna taglienti.

Eccu ancora a’ Spartenza purtata di Vartulu, Peppe e Danilo e u’ seguitu di l’autri finu all’appariri da Madonna du Luttu.

U’ restu è chidda ch’aviti vistu e chi nun vogghiu riri. Sugnu nichilista ayo u’ cori e tegnu strittu l’immaggini chi vitti rintra na’ stanza sigreta du me’ casteddu. [1]

 

 

 

U’ munzignaru.

 

 

Trapani, 1° aprile 2008 

 

 

Statua del Cristo Risorto ( senza vestiti ) "incellofanata" nel Museo Pepoli di Trapani

 


 

[1] Nell’andirivieni continuo e nel lento frastuono la pluriforme ed avvolgente scenografia prende forma. Un turbinio di sgargianti colori floreali predomina sui “pasos”.

Lucenti corazze, sciabolotti, elmi, monili e quant’altro adornano i patetici personaggi che cambiano mostra.

Fuori la calca preme e alcuni annotano dettagli, volti e parole; ancora piccoli accorgimenti per l’anticipato iniziato domani.

Manca poco l’ora nona. I gruppi sono in fila e i massari e i volontari sono già pronti ad inarcarsi e sollevarli sulle aste. Mi sposto lentamente verso l’austero portone. Cerco la migliore visuale egoistica. Non voglio perdere nessun dettaglio.

Il rimbombo dell’assestato colpo di tamburo penetra la mia cassa toracica. Inizia la rievocazione della sacra rappresentazione del martirio e della morte di Gesù Cristo in croce. La mano di Bartolo è pronta con la ciaccula. Il suo svelto devozionale segno della croce e parte la Spartenza, che dondola, s’annaca e lentamente varca la soglia andando incontro alla banda. Pochi minuti ancora e scompare col seguito dei ragazzi.

Segue la Lavanda, il meraviglioso Orto e la Prisa. Ecco il Nazareno con lo sguardo smarrito del magnificato Cedron. Vacilla dinanzi il “cavaliere della chanson de geste” [non mia espressione]; gruppo che conosco a memoria in ogni suo particolare. L’avvicinarsi di ragazze con dei “cufuni”, vale a dire con caldani tra le mani mi infastidiscono; al momento non voglio vedere oltre.

Esco dal Purgatorio e mi porto verso la Tuppilla e poi, dopo aver oltrepassato l’Eroe di pietra, arrivo alla Strada Grande. Rincontro i gruppi già giunti al Collegio. Mi soffermo davanti all’ignota bottega del defunto Nicolò de Renda e ascolto la “Ione”, la “A.Vella” e dopo le altre. Arrivano e sfilano i simbolismi tanto odiati da “disgregare il pagano”, che oggi, insolitamente li tollera. Vado indietro e più avanti. Giro su “Piazza Teatro”, do un’occhiata al palazzo di Domenico Nolfo e su per Sant’Aloia, “stocco” su Via Galvano ed eccomi sulla strada della Madonna della Mercede. A strattone varco la folla. Ora il sole cade basso a ponente e squarcia l’orizzonte con sfavillante luce e tutt’intorno; il contrasto è forte.  Sobbalzo sul balcone del primo piano e aspetto.

Giungono i “tammurinara” e il Cristo portato da un diacono con veste diafana. Non l’avevo visto dapprima perché ero al Purgatorio. M’accorgo e comprendo quanto vana è stata la richiesta della simbolica figura dell’incappucciato. Noi, risultato delle esperienze passate, adesso siamo la conclusione di una somma con tante sottrazioni. Dal 2000 ad oggi molte cose sono scemate nell’insussistenza del “non essere”, nella fantasmagorica pretesa di assorbirci un patrono non voluto e non conosciuto tale. Il San Lorenzo, che arbitrariamente si è voluto frapporre tra l’Avvocata e Sant’Alberto degli Abati. Fatti, azioni ed eventi che mortificano la tradizione d’essere veri trapanesi, che tali non siamo.

Come se non bastasse l’immediata mia riflessione sull'invisibile ed impalpabile onta che lorda la nostra innata tradizione: ascolto l’invocazione di un prelato che mi invita a implorare riconoscimento ai “governanti della nostra Città”, un velato modo di far intendere di compenetrarci nella miglioria del loro operato; ma era tale il “sentito” intendimento? E quest’anno la processione del Risorto sarà con la statua del “Sacro Cuore di Cristo”.

Uno dietro l’altro vedo passare le scene più volte viste. Ceti ordinati e disciplinati, come dire “coperti ed allineati”. Sfilano con i propri gruppi, in atteggiamento pacato, quasi timorosi della probabile, futura tagliente sanzione. Riecco la Spartenza condotta da Bartolo, Peppe e Danilo. Poi il seguito fino la comparsa della Madonna del Lutto. Il resto è quello che avete visto e che non dico. Anche se nichilista ho un cuore e serro le immagini che ho visto demtro la stanza segreta del mio “castello”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Onde evitare erronee attribuzioni, mi sembra superfluo ma è preferibile farlo, precisare che non sono io l'autore di questo simpaticissimo commento che non solo condivido in toto ma che, tra l'ironia e la verità, ci fa ricordare un po' della storia della nostra Trapani e dei Misteri.

 

Bravo munzignaru ! Magari ne avessimo tanti come te ed invece di venditori di verità e di bigotti/e ne abbiamo da vendere ! Il problema è che non li vuol comprare nessuno e quindi "ci tocca tenerli ! "
 

 

Beppino Tartaro

 

 

 

 

 

©  2008 - www.processionemisteritp.it