LA FESTA DI TUTTI

 


 

 

 

Le celebrazioni che dal 6 dicembre 2011 al 6 aprile 2012 ricordano i 400 anni d’affidamento del gruppo più antico della processione dei Misteri ” L’ Ascesa al Calvario” rappresentano l’occasione non solo per ammirare un evento culturalmente importante per la nostra città ma per scorrere quatto secoli di storia e vita trapanese.

 

Una serie di eventi che racconteranno ai trapanesi  e ai turisti quel che è stata ed è ancora la nostra Trapani , città della processione dei Misteri .

 

Un evento che non si può circoscrivere al 13° gruppo della processione ma abbraccia tutti e venti i Misteri trapanesi.

 

Come sempre accade, dinanzi a fatti di una certa rilevanza culturale e rappresentativa, accanto alle  lodi per le  iniziative  sono germogliate le solite polemiche o per meglio dire, usando un temine locale : ” curtigghiarì “ . Dispiace infatti che alla cerimonia inaugurale del 6 dicembre alcune  maestranze si siano riunite disertando l’avvenimento , ignorando che a Sant' Agostino non sono esposti soltanto il gruppo e l’atto di affidamento più antichi ma l’origine di quella  processione per la quale questa città vive da quattro secoli.
 


Se non vi fosse stato quell’atto rogato dal notaio Migliorino nell’ aprile 1612 oggi non avremmo quelle opere d’arte e fede che dovrebbero far identificare la nostra città e che invece, mentalità oscurantiste. hanno  relegato in un ambito locale.

 

Arroccarsi sull ‘ individualismo o per meglio dire sullo sfrenato egoismo esibizionista,  avversando un evento che è di tutta la città e di tutti i ceti è quanto di più miope si possa fare.  Purtroppo è proprio questa mentalità che non ha mai fatto decollare la nostra processione verso quei livelli rappresentavi e di conoscenza che merita. Sarà facile per i soliti detrattori affermare che se su questo sito si elogia questa serie di iniziative è solo perchè chi gestisce queste pagine dal 1999 sarà uno dei relatori del convegno internazionale del prossimo marzo. Del resto non c’è da stupirsi se queste affermazioni provengono da colui e da coloro che  con un gesto   “ infantile ” hanno scelto di alzarsi nel momento in cui, nel corso di un recente convegno al Purgatorio, ha preso la parola un relatore, reo di esser amico del “ veronese “.

 

Siamo proprio alla farsa ma forse ancor peggio all’ignoranza più profonda, un’ignoranza che non è frutto di aver  o meno conseguito titoli di studio dato che tra questi lor signori spicca più di un laureato !

 

In questi anni dodici anni questo sito non ha fatto sconti a nessun ceto sul fronte delle critiche, perché il diritto all’informazione e alla libertà di pensiero è , a  differenza delle sette massoniche, garantito a tutti !

 

Se oggi i signori metallurgici e naviganti non mi considerano più , per loro scelta e non certo per mia disperazione, come amico , ciò non mi impedisce di affermare  che le processioni dell’ Arresto  e dei Naviganti sono da sempre esempio di sobrietà e serietà.  Persino lo stesso “ Popolo” è stato dal sottoscritto criticato in passate edizioni della processione ma a differenza di altre “ maestranze ”, nessuno di loro si è mai sentito personalmente offeso, nessuno dei consoli ha scelto di togliermi il saluto per aver espresso un parere che era assolutamente personale e come tale opinabile.
 

 

Ho evitato di commentare, per non suscitare ulteriori polemiche, le iniziative messe in atto  per i “ Quattro secoli di memoria” ma sento il dovere di intervenire non per difendere qualcuno ma per stigmatizzare l’operato della solita cricca , dei soliti esibizionisti e dei soliti alpinisti del potere.
Pur conoscendo molto bene e da tempo questi soggetti, speravo che dinanzi ad  un evento così importante come i festeggiamenti per i 400 anni dell’ intera processione ci si ritrovasse tutti insieme per i nostri Misteri. 

 

Ma non saranno certo le critiche fini a sé stesse, le cattiverie e le calunnie ad oscurare tutto ciò che dal 6 dicembre e sino al 6 aprile farà conoscere la parte più bella della nostra amata processione e la storia popolare di Trapani.

 

Leggere i commenti di chi sul libro degli ospiti a Sant’Agostino ha voluto ricordare con emozione l’evento  è la risposta a quell’ ignoranza che , grazie a Dio , non risiede nella maggioranza dei ceti .

 

La processione straordinaria del 23 marzo che ricondurrà l’ Ascesa al Calvario al Purgatorio per la tradizionale  “ scinnuta ”, sarà l’evento con il quale rivivremo  lo spirito di quattro secoli fa , quando i Misteri andavano in processione senza problemi di itinerari, quando la città era più piccola e il centro storico pullulava di case abitate e negozi ; quella Trapani che non ha mai cessato di amare , in quattrocento anni , U Signuri ca Cuci n’coddu !  

 

                                      Beppino Tartaro

Verona, 9 dicembre 2011

 

 

Foto gentilmente concesse dal sito www.misteripopolo.it

 

©  2011 - www.processionemisteritp.it

 

Inizio pagina