LA  SETTIMANA SANTA E LA PROCESSIONE DEI MISTERI A BITONTO ( Bari ) 

 

 

 La Processione dei Misteri di Bitonto è il rito centrale delle celebrazioni liturgiche della Settimana Santa nella città pugliese.

Tali riti hanno inizio il venerdì precedente la Settimana Santa con la processione dell'Addolorata che alle ore 17,00 circa prende avvio dalla Cattedrale. La venerata immagine di Maria, detta anche Desolata è curata dal parroco e da un comitato cittadino e durante il percorso cittadino è seguita da un gran numero di fedeli, mentre alcuni studenti intonano  l'inno della Desolata, accompagnati dalla banda musicale .

Nella notte del Mercoledì Santo, due bande cittadine percorrono le affascinanti vie di Bitonto. 
Simboleggiano Gesù e Maria e secondo un'antica tradizione, tipica dei popoli mediterranei, rappresentano la Madre che cerca il Figlio e così come Maria non riesce a trovare il suo amato Gesù, allo stesso modo le due bande non dovranno mai incontrarsi lungo il percorso.

Alle 18 del Venerdì Santo si svolge la suggestiva processione con le immagini della Vergine Addolorata, del Cristo Morto, della Sacra Sindone e del Legno Santo.
Il rito si svolge a Bitonto sin dal 1200 e prende avvio dalla chiesa del Purgatorio a cura dell'Arciconfraternita di S.Maria del Suffragio.
Al suono dei tamburi, dei flauti e della tromba sfilano tutte le confraternite con gli stendardi e gli amministratoti in abiti processionali . Segue la "culla " di Cristo Morto,( chiamata dai bitontini la " nach " ) decorata in oro zecchino e realizzata a Napoli nel 1880 da Raffaele Vitolo.
E quindi la volta dei confratelli di Santa Maria del Suffragio che portano sulle spalle la venerata statua di Maria Addolorata, scolpita nel legno d'ulivo da un anonimo dopo una visione e illuminata da 111 candele.
L'Addolorata è seguita da una copia della Sacra Sindone ( realizzata in occasione dell'ostensione del 1646 ,le altre due copie si trovano a Bologna e Fabriano ) e due schegge del Sacro Legno della Croce donate alla Confraternita dall'Arcivescovo di Siponto e Manfredonia nel 1711 e racchiuse in una grande croce d'argento e cristallo di rocca inserita in un trofeo floreale che negli anni è stato opera dei valenti artisti bitontini.

La Processione dei Misteri del Sabato Santo a cura dell'Arciconfraternita Maria SS. del Rosario prende avvio intorno alle ore 16,00 dall'antica chiesa di San Domenico nel cuore della città antica.
Il suo incedere è annunciato dal suono dell'Ottavio, dal rullo dei tamburi e dalle struggenti note di una tromba.
Appaiono i primi gruppi statuari : " Gesù nell' orto dell' ulivo ", " Gesù alla colonna ", "Gesù alla canna ", " Gesù con la Croce " con le statue lignee del seicento, mentre il gruppo successivo " Calvario " è in cartapesta.
Anche in questa processione segue un'altra Culla del Cristo Morto, diversa da quella del giorno prima, rivestita in oro zecchino e risalente al settecento ed infine la Vergine SS.Addolorata adornata da 110 candele.
Piazza Cattedrale è la prima tappa del sacro corteo che viene accolto dalle bande cittadine che si alterneranno nell'eseguire le marce funebri.
Dopo essersi snodata per le caratteristiche vie bitontine, la processione si concluderà nella Chiesa di San Domenico dove si parteciperà alla veglia pasquale.


Le notizie e le foto di Michele Valla sono tratte dal notiziario mensile indipendente " da Bitonto "


Testo  elaborato da Beppino Tartaro

 

Un sentito ringraziamento a Francesco Cannito

 

 

© 2003 - www.processionemisteritp.it

 

Inizio pagina