GRAZIE NINO !

 


 

 

 

 

Sono passati cinque anni  da quella sera del 5 gennaio  2007 quando in via Orti, una delle vie di Trapani illuminate per  le festività, un giovane come tanti, uno di quelli che incontri per strada in compagnia degli amici, uscendo dal lavoro si accorge che è in corso una rapina ad un collega. Quel giovane, semplice e solare , spinto dal suo cuore e dall’entusiasmo della sua età non  esita e accorre subito in soccorso dell’amico, a mani nude contro il rapinatore armato di una pistola.   Basta poco e Nino Via non c’è più !

Cinque anni da quel giorno, cinque anni nei quali la famiglia ha continuato a cercare la verità che non ti da più la vita ma ti fa sentire meno solo. E al dolore per la scomparsa di Nino alla tristezza per quelle assurde recenti polemiche legate alla struttura dedicata a Nino nel rione Sant’Alberto.

Questo sito affronta generalmente tematiche legate alla Settimana Santa  ma in questo caso non si può e non si deve tacere.  Chissà quanti appassionati dei Misteri conoscevano Nino, chissà quante vote l’avranno incontrato in quella magica notte tra il venerdì e il sabato santo quando la città e soprattutto i giovani, si riversano per le vie.

Alle tante vergogne che coinvolgono i nostro paese la tragedia di Nino non è solo il dramma profondo di chi l’ha visto nascere, cresce e amato; è il dramma sociale di un’intera città  che non esita ad emozionarsi per le milionarie regate veliche ma che rimane silenziosa e inerte davanti alla tragica fine di un giovane.

Un eroe? Qualcuno, con poca sensibilità sul web ha definito esagerato questo termine, affermando, con scelleratezza, che in fin dei conto Nino avrebbe fatto quel che tutti avrebbero dovuto fare!.

All’idiozia , si sa, non c’è mai limite ma siamo sicuri che quel che ha fatto Nino è stato ciò che tutti avrebbero fatto ? Nino non ha esitato ad intervenire per aiutare il collega aggredito dai rapinatori mentre nei pressi del luogo ove si consumava la tragedia, non è difficile immaginare  altri suoi coetanei intenti a chiacchierare e...a non vedere. Nino lavorava per poche centinaia di euro mentre altri suo coetanei  avrebbero  discusso su quale cellulare  investire quella misera somma ricevuta in regalo per Natale e che per Nino era lo stipendio . Nino non era armato se non del suo coraggio e della sua semplicità. Nino non era un politicamente impegnato, non era un esibizionista  e per questo non son scesi in piazza i potenti perché dei morti  ammazzati ormai ..siamo abituati.  Nino era in figlio del popolo !

Non ho conosciuto Nino ma mi sarebbe piaciuto poter stringergli la mano, all’errore della semplicità , della quotidianità e della gioventù. A cinque anni dalla sua scomparsa il grande esempio ci vien dato dalla sua famiglia e dalla sorella Stefania che lotta con tenacia e amore per rendere giustizia  al fratello.  Trapani non deve dimenticare Nino ma tutta Trapani no solo una parte perché Nino era di tutti noi !

Giovedì 5 , quinto anniversario , verrà ufficialmente presentata l’Associazione Nino Via, un’associazione assolutamente apolitica e sempre giovedì alle ore 17.00 dall’abitazione della famiglia, in via Rosario Livatino partirà una fiaccolata che si concluderà nel Rione Sant’Alberto.

 Partecipiamo( da Verona potrò farlo solo con il cuore ) a questo breve e intenso ricordo, partecipiamo per far sentire che al silenzio dei pochi deve contrapporsi la voce dei tanti; partecipiamo per dimostrare che Nino era ed è un nostro figlio, era ed è un nostro fratello ma soprattutto Nino è il nostro cuore !

Grazie Nino , ti vogliamo bene !

                                      Beppino Tartaro

Verona, 3 gennaio 2012

 

 

Foto tratta dal web

 

©  2012 - www.processionemisteritp.it

 

Inizio pagina