LETTERE AL GIORNALE

di Vito Maida  


   

Caro direttore,

 

casualmente ero presente alla cerimonia dell'inaugurazione della statua di S.Alberto in Piazza Martiri D'Ungheria e ho ascoltato un commento di due ragazze ferme davanti ad uno dei bar esistenti in zona(dall'accento sembravano venete): “…vista da lontano sembra un gelato al limone…….” Ma volendo sorvolare sul gusto estetico, mi viene una considerazione.

 

Credo proprio che il vescovo Miccichè sia venuto ad esigere un credito vantato e ritengo a pieno titolo nei confronti del sindaco Fazio.

 

E ribadisco a pieno titolo, in quanto  in pochi casi la massima autorità ecclesiastica di una città si era schierata ed aveva fatto campagna elettorale a favore di un candidato sindaco come in questo caso: in maniera così eclatante e in momenti di preghiera e di intensa spiritualità.

 

Il Dott. Fazio ha potuto beneficiare di ben due interventi pubblici  di massima audience: il primo durante l'omelia dedicata alla Madonna Addolorata davanti la chiesa del Purgatorio a conclusione della processione dei Misteri di quest'anno. La seconda, la Domenica di Pasqua, quando in Cattedrale durante la messa il Vescovo Miccichè oltre che parlare del Cristo risorto è riuscito ad infilare un messaggio elettorale a favore del candidato Fazio, sostenendo che “un buon cristiano trapanese non avrebbe potuto fare a meno di votare per l'uscente Fazio”.

 

Ovviamente, in entrambi i casi, era presente tutto lo staff del sindaco ad applaudire le parole del Vescovo.

 

Il sindaco Fazio, ritengo, che abbia agito bene e pertanto poteva fare a meno di questo intervento e doveva evitare di lasciarsi invischiare in questa incredibile intromissione elettoralistica anche per rispetto di tutti i non cattolici e per tutti coloro i quali credono nella netta divisione fra Chiesa e Stato e che non vogliono tornare all'epoca dei Peppone e Don Camillo.

 

Tornando alla statua, il sindaco sostiene che “ad approvare la collocazione e la spesa è stato l'intero consiglio comunale”.

 

La foto ricordo della cerimonia d'inaugurazione ritrae, però, in primo piano il sindaco e il Vescovo, l'uno accanto all'altro...

 

Con la benedizione di Sant'Alberto. Ovviamente.

 

Vito Maida

di Gianluca Fiusco

 

© 2007 - EXTRA

Inizio pagina