FUNIVIA, CI SIAMO 
di  Francesco Pellegrino 


Erice - Si  stanno effettuando gli ultimi collaudi della funivia per Erice la cui inaugurazione dovrebbe avvenire il prossimo otto luglio. 

“L'impianto - afferma l'ingegnere  della Provincia Alessandro Putaggio- funziona già da  qualche settimana.  Attualmente stiamo effettuando i vari collaudi previsti dalla legge.  Il pre-collaudo, che e' andato benissimo, è stato caratterizzato da una continua opera di carico e scarico delle cabine dalle stazioni di rimessaggio. Attualmente siamo nella fase di pre esercizio che prevede un  monte ore di funzionamento continuo dell'impianto. Durante questa fase le cabine hanno percorso l'intero tragitto con un carico  di sacche piene d'acqua, così da simulare  (almeno dal punto di vista del peso) la presenza di persone al loro interno”.

Sulla  questione dei parcheggi, si registra  qualche ritardo nella realizzazione delle tre aree previste per la sosta delle auto; si prevede comunque che  almeno uno di essi  (e precisamente quello più vicino alla stazione di valle) possa essere già pronto per l'inaugurazione dell'impianto.

Il Consiglio Provinciale ha approvato una convenzione che attribuisce alla Mega Service la gestione della funivia per Erice. Su tale atto deliberativo il centrosinistra si è astenuto, indirizzando non poche critiche sulle decisioni relative al personale che gestirà l'impianto. 

La Giunta Comunale ericina, intanto, ha approvato una delibera con la quale si  attribuisce la gestione della funivia ad una società a totale capitale pubblico, la “Funierice”, costituita tra il Comune ericino e la Mega Service.  Il comune parteciperà a tale società sottoscrivendo il capitale sociale per il cinquanta per cento pari ad un importo di  cinquanta mila euro.

Sulla questione del personale abbiamo interpellato la dottoressa Stella Marino, dirigente dell' ufficio personale della Provincia Regionale di Trapani.

“ I corsi-concorso che si sono svolti nei mesi scorsi  -afferma la Marino- hanno permesso di rendere disponibile il  personale professionalmente preparato per la gestione dell'impianto; in base alle risultanze della graduatoria di tale concorso, verranno scelti i dipendenti dell'impianto che saranno  inquadrati con il contratto  tipico del personale  degli impianti a fune”.

Per quanto riguarda le tariffe proposte, il biglietto di andata e ritorno costerà 3,75 euro, mentre per i residenti e per coloro che lavorano o dimorano ad Erice il prezzo scende a 2,40 euro. Per i tour operators e per i gruppi organizzati invece, il biglietto costerà 3 euro. Sono inoltre previste varie forme di abbonamento settimanale mensile o annuale .

“La parte edile dell'opera e' ormai completa, dovendosi solo ultimare i  collaudi -dice l'architetto palermitano Domenico Di Giuseppe- direttore dei lavori assieme all'ingegnere Eugenio Morra di Torino. Aspettiamo l'ultimo e definitivo collaudo da parte dell' USMIT di Napoli (che è l'ufficio del Ministero dei Trasporti che omologa gli impianti funiviari). I controlli degli ultimi giorni si sono incentrati soprattutto sulla funzionalità dei motori, sull'impianto frenante e sui sistemi di sicurezza; una lieve oscillazione delle cabine durante il tragitto è fisiologica. Le cabine sono strutture ancorate ad una fune che ha una sua elasticità, ma le oscillazioni sono sicuramente tenute entro i normali limiti di tolleranza”.

L'impianto è dotato di un sistema di controllo automatizzato che prevede un continuo monitoraggio delle condizioni climatiche ed un arresto dell'impianto medesimo quando il vento supera i 70 km orari .

Francesco Pellegrino

 

© 2005 - www.processionemisteritp.it

 

 

Inizio pagina