AVANTI C'E' POSTO, NELLA GIUNTA FAZIO

di  Gianluca Fiusco 


   

“Sarà una giunta tecnico-politica”. Parole che suonano come un avvertimento, dopo la vittoria di Mimmo Fazio a Trapani. Quasi a preannunciare che il rieletto Mimmo ormai è parte della politica trapanese, ma senza rinnegare le sue “origini” di tecnico.

 In principio le designazioni di Nicola Messina (FI), Diego di Discordia (FI), Livio Marrocco (AN), Girolamno Turano (UdC) e Paolo Ruggirello (MpA). Oggi la giunta deve essere completata e va da se che alcuni nomi, indicati soltanto per “riempire” le caselle dei Partiti, verranno presto sostituiti.

Pare certa la riconferma di Nicola Messina (FI) già ai lavori pubblici. Così come, per giochi di equilibrio interni a Forza Italia, Diego Di Discordia (già assessore Ecologia e Ambiente) dovrebbe tornare in giunta lasciando così il posto in consiglio provinciale a Giovanni Russo.

Dopo di che dovrebbe tornare anche l'ex assessore allo sviluppo economico (fino al 2003), Sergio Messineo, tra i big candidati nella lista Fazio. L'UdC, con i suoi 5 consiglieri, sta valutando le mosse da fare. Le caselle sarebbero due ma modulabili secondo scelte diverse: due assessorati o un assessorato e la presidenza del Consiglio Comunale.

 Ma le correnti interne al partito neodemocristiano sono più di due, ed allora si potrebbe ricorrere ad un rimborso nei sottogoverni. L'MpA potrebbe puntare alla presidenza del Consiglio (Di Bono) e lasciare libero il posto in giunta. E la vicesindacatura, in principio promessa ad AN, potrebbe essere sostituita da un semplice assessorato.

Mimmo Fazio si terrebbe così le mani libere sulla nomina del suo vice, magari una donna da ripescare direttamente dalla lista che portava il suo nome. Magari Franca Scalabrino. Si tratta, allo stato attuale, di ipotesi suffragate da qualche indiscrezione, ma che potrebbero quasi tutte essere messe in discussione dall'operazione riciclo dei trombati e dei richiedenti asilo.

 Gianluca Fiusco

di Gianluca Fiusco

© 2007 - EXTRA