A SCUOLA DI MEMORIA, FRA SPORT E LEGALITA' 


di Gianluca Fiusco


   

Con il convegno "scuola e legalità", hanno preso il via, a Trapani, le manifestazioni del "memorial Asta". L'iniziativa, promossa dal Basket Trapani, non vuole far dimenticare, soprattutto ai più giovani, Barbara Asta e i suoi due gemellini di 6 anni, vittime innocenti della mafia nell'attentato dinamitardo di Pizzolungo (il 2 aprile del 1985, ndr) contro il giudice Carlo Palermo.

 

"Il nostro Natale - afferma Andrea Magaddino, presidente del sodalizio cestistico granata -, sarà un po' speciale. Lo sarà, soprattutto, perché creeremo una fortissima sinergia tra scuola e sport, tra scuola e legalità. Il memorial Asta - continua Magaddino - attraverso lo strumento socializzante dell'attività sportiva, vuole soprattutto far riflettere i ragazzi, ma anche gli adulti, su ciò che quotidianamente accade intorno a noi".

 

Dopo il prologo del già citato convegno al quale, tra gli altri, hanno preso parte il Procuratore aggiunto della Repubblica di Palermo, Sergio Lari; il Procuratore della Repubblica di Trapani e il Presidente del Tribunale, rispettivamente, Giacomo Bodero Maccabeo e Mario D'Angelo; e ancora il dirigente generale dell'Ufficio Scolastico Regionale, Guido Di Stefano e il Presidente del Consiglio dell'ordine degli Avvocati, Alberto Sinatra; il fittissimo programma prevede, per il prossimo 20 dicembre, al Palailio, a partire dalle 16.00, la festa di Natale per tutti i tesserati del Basket Trapani e delle società collegate. Saranno presenti anche diversi bambini ospiti in istituti del trapanese.

 

Salto, poi, al 27 dicembre con l'inizio del torneo di basket riservato agli under 13. Nella stessa giornata tutti i partecipanti alla manifestazione si recheranno a Pizzolungo, sul luogo della strage, per deporre una corona di fiori. Quindi, spazio nuovamente alla fase agonistica con la disputa del torneo riservato agli under 16.

 

Il programma del 28 dicembre, giornata conclusiva del memorial Asta, si aprirà con le finali dei tornei under 13 e under 16. In mezzo, un clinic per allenatori di pallacanestro.

In serata, il gran finale: la partita di beneficenza tra la nazionale di Basket dei Magistrati contro alcune "vecchie glorie" granata.

 

"Noi - conclude Magaddino - non considereremo mai lo sport come un momento asettico, staccato dagli altri contesti. Questa è la prova che guardiamo con particolare attenzione al mondo della scuola, ma anche a tante altre sfaccettature che questo territorio pone davanti ai nostri occhi".

 Gianluca Fiusco

 

© 2006 -  www.processionemisteritp.it