SODANO, CONFIDENZE IN DIALETTO

di  E. G. 


 

   Castelfranco Veneto, 6 aprile. Mi sono appena alzato e sento squillare il telefono. «Pronto, Guidotti?». Si, ma con la “o” finale. Chi parla? «Unn'havi 'mportanza. Iò a Lei ci strincìvi a manu a Marsala, o convegnu di Libera. Lei rissi a verità, vangelu ri missa!». Molto onorato! «Lu ntìsi chi succirìu avant'eri 'nTrapani?». 

 

Il mio anziano interlocutore è come un fiume in piena e dopo un breve riepilogo dei fatti di cronaca passa a una dietrologia piuttosto realistica. «Prufissùri mèu, sintìssi a mìa: chìssi vulissiru fari a capiri che il prefetto Sodano unn' arraggiùna cchiù, un po' parlàri e un si sàpi addifènniri. E pensanu chi i jurici sunnu fissa. Inveci un sunnu fissa e iddru c'arrispunnìu a duvìri. A liggìu l'intervista al Corriere della Sera? ».Ci mancherebbe! «U prefettu era ed è un si-gnore, un gran signore! Ci nni vulissiru tanti comu a iddru! ». Son convinto anch'io.

 

Anonimo ma veritiero - Il dialetto agevola il tono confidenziale della conversazione e l'uso dell'idioma nazionale nei riferimenti al prefetto Fulvio Sodano è chiaramente segno di rispetto e di ammirazione. Lei – gli chiedo – dici “chissi”. Ma “chissi” chi? «Cu sù? Chiddri chi hannu carbùni vagnàtu: per giustificarsi cercano scuse che non convincono; insomma, per difendersi vanno all'attacco  dicendo cose non vere per buttare discredito su Sodano. Bleffano! Cu sù? D'Alì e Fazio. Ma anche i galoppini. Il primo perché l'ha fatto trasferire. Iddru, iddru fu! Il sindaco perchè non ha fatto niente per dargli la cittadinanza onoraria votata all'unanimità dal consiglio comunale. Per me, se non è omissione d'atto d'ufficio è abuso di potere». E perché l'avrebbe fatto, secondo Lei? «Per non mettere in difficoltà il senatore. Ma forse anche perché contava sull'appoggio di Liddru Pellegrino chi facìa ntrallazzi cu i mafiosi chi tifavano p'assicutàri u prefettu».

 

Assenze e rotazioni -  «A vòli sapiri l'ultima?». Dica, dica. «Al Corriere D'Alì ha dichiarato che il prefetto Sodano si allontanava spesso per farsi visitare». L'ho letto. «Ma dieci giorni non giustificano la parola “spesso”…». Beh, in un mese son tanti. «Ma quale mese? Dieci giorni – e forse forse anche meno – in due anni e mezzo: in media due giorni ogni semestre. E forse per ferie». Ma è sicuro? «Basta verificare: a me l'ha detto, a taci-maci, uno della prefettura. Ma si rici u piccatu e un si può diri u piccaturi. E' giustu?». Beh,  le notizie sono verificabili.

 

«E poi D'Alì ha detto un'altra falsità». Allora non era l'ultima! Ma Lei ce l'ha proprio con lui! «A virità. Non è vero che i prefetti cambiano sede ogni due, tre anni. Prova provata, m'avissiru a tagghiari a linggua: il suo successore è qua da quasi quattro anni; idem quello di Palermo. C'è chi arriva a sei anni». Non ci avevo riflettuto, ma è vero. «U viri? Un sottosegretario non può dire minch…. ». Ho capito. Certo che non può; anzi non deve.

 

Sodano ringraziava D'Alì? -  «Però ccà nuddru scrivi sti cosi. U liggìu ddru titulu “Quando Sodano ringraziava D'Alì”?». Si. «Un'altra falsità». In che senso? «L'articolo si riferiva a un discorso che Sodano aveva fatto a Erice. C'erano tante autorità e mandò un saluto e un ringraziamento caloroso a due. Uno era D'Alì. Ma ch'avia a diri? Caloroso a uno e “friddu” a D'Alì? Ma finemula! Hanno generalizzato un caso singolo. Unu sulu! Un si fa accussì! Picchì poi chiddri ci speculanu e dicinu chi cu Sodano avianu “un'ottimo rapporto”. Ma quannu mai!». Se è così, ha ragione.

 

“Lu ficiru ncuttumàri” -  «Sti cosi si facìanu quannu c'era Mussolini». Quali cose? «Trasferimento del prefetto e “consigli” alla stampa. Vulìanu puru fari allicinziàri un giornalista seriu». Addirittura? «Si, si, ma un c'arrinisceru!». Paradossale!  «Nsùmma, prufissuri meu, 'o prefetto Sodano ci fìciru scattusarii e lu fìciru ncuttumàri. U sapi chi veni a diri ncuttumari?». Si, si, in casi del genere i medici parlano di alterazione psicosomatica dello stato di salute. Ma si usa  ancora questa parola, ncuttumàari, a Trapani? «Si, ma sempre meno negli uffici picchì un si ncuttùma cchiù nuddru! Quinnici latri arrestati à Provincia! L'atra vota a n'amicu mèu, a n'atra banna, u capuffìciu ci rissi: “Un ti ntricari, un ti mpicciàri chi di beni tinni veni màli”. Ma iddru, chi è  persona seria c' iarrispunnìu: “E allura si vìu  un collega si futti  i mobili du Municipiu e si li porta ncampagna cu furgoncinu ch'aju a fari ? Ci ricu “nènti sàcciu, nènti rìcu e nènti vògghiu sapìri?”. Accussì jemu a finiri chi si ponnu arrubbari puru a scrivanìa du sinnacu  e  a statua ra Maronna i Trapani. E nuddru parla. Lei che dice?». Dico che ha ragione e che certe cose bisogna farle conoscere alla gente perbene per invitarla a comportarsi come Lei. “Oportet ut scandala eveniant” dice un vecchio proverbio latino: è necessario che gli scandali avvengano, bisogna far scoppiare il bubbone per eliminare il marcio. Ma guai – si legge nel Vangelo di San Matteo - all'uomo per colpa del quale lo scandalo avviene. «Allura iò un mi sbagliava quannu ricìa chi Lei quannu parla pari chi leggi vangelu ri missa!». Beh, mi pare un po' troppo, ma La ringrazio. E mi raccomando: si faccia sentire ancora, perché per me questa Sua telefonata è stata una ventata d'aria pura.

  E.G.

di Gianluca Fiusco

 

© 2007 - EXTRA

Inizio pagina