TOTO' BUSCAINO, LA STORIA COME CURIOSITA' E PASSIONE

 di Salvatore Costanza

pubblicato sul
periodico “Panorama del Trapanese”, nr.11 del 30 giugno 2006 -  pagina 8


   

 

 

Alla eclettica categoria dei "ricercatori" di storia che s'incontrano negli archivi e nelle biblioteche locali, Totò Buscaino appartiene solo per l'assidua frequentazione di rolli e giuliane, inventari e regesti. L'ho incontrato per la prima volta, vent'anni fa, nelle sale polverose del nostro Archivio di Stato. E ho subito pensato a una delle transitorie escursioni in archivio di chi, sfibrato dagli anni opachi del "servizio" allo Stato, cercava di risalire alle genealogie familiari per trovare un lemma di nobiltà araldica da appendere alle pareti di casa. E l'avrebbe senz'altro trovato, come capita a tutti, con un po' di pazienza e buon volere.

L'interesse cui si è votato fin dall'inizio Totò Buscaino è stato ben diverso, seppure si è trattato di "araldica" paesana. Dal borgo (Xitta) agli insediamenti civili e religiosi nel centro urbano di Trapani (Palazzo Cavarretta). Ora la vasta ricerca sui Gesuiti, la cui presenza nella vita economica e sociale della Sicilia estremo/occidentale è stata caratterizzata dal ruolo egemonico esercitato soprattutto nel settore della istruzione superiore, e quindi nella formazione della classe dirigente locale.

Totò Buscaino, studioso della storia locale, è come l'Orco delle favole. I cultori di storia, come Buscaino, cercano avidamente il documento, lo scovano e lo trascinano nelle loro "configurazioni" storiche, spoglie sacre del mistero eleusino del passato da recuperare. Benemerenze indiscutibili queste, specie se le configurazioni hanno il pregio dell'onestà intellettuale, della precisione documentaria, della ricerca esaustiva su aspetti magari marginali, ma in ogni caso tessere importanti del mosaico poli-cromatico della storia. La figura di questo nostro studioso è da tempo familiare ai Trapanesi per la sua dinamica presenza senza negli incontri culturali, per la sua disponibilità e cordialità. A lui ci piace dedicare questa pagina di Panorama, per gratitudine e amicizia, in occasione della presentazione della sua ultima fatica sui Gesuiti di Trapani.


Salvatore Costanza.

 

 (Articolo tratto dal periodico “Panorama del Trapanese”, nr.11 del 30 giugno 2006,pagina 8, diretto dallo stesso autore).

 

 

 

© 2006 -  www.processionemisteritp.it